domenica 3 maggio 2009

Little Drops of Poison - Pt. 2

Regina Marbury, la Voce più Grassa degli anni ’50 (1924-?)

Quando era una ragazzina di 12 anni, Regina Marbury era detta “Sottiletta” per via del suo peso che non toccava i 33 chilogrammi. La pelle sembrava attaccata direttamente alle ossa: sul torace si contava il numero di costole e le gambe erano come fili d’erba annodati all’altezza delle ginocchia appuntite. Sul volto smunto si affacciavano tondi e lattiginosi i due occhioni neri. Il giorno del suo tredicesimo compleanno si recò in chiesa per iniziare a cantare nel coro gospel del piccolo paese in cui viveva. Non c’era voce più stonata della sua, all’inizio tutti pensarono che si trattasse di tempo in attesa di miglioramenti ma le domeniche si rincorrevano senza alcun cambiamento. Quella vocina stridula e acuta rimbalzava fra le pareti della navata centrale della chiesa penetrando pungente nelle povere orecchie dei bravi cattolici. Tutti cercavano di sopportarla infilandosi piccoli batuffoli di cotone grezzo nelle orecchie ma quella fatidica domenica di maggio, mentre il cardinale Beaumont era in visita, Regina lanciò un acuto, sfondando il timpano sinistro dell’ecclesiastico. Il prete sbraitò contro quella povera bambina tutta pelle e ossa, cacciandola via. Regina corse via con tutta la velocità delle sue gambette fragili: per la disperazione si chiuse in cucina e cominciò a mangiare, divorando tutto quello che trovò. Mangiò così per tutti i giorni dei successivi dieci anni fino a che di Sottiletta nessuno si ricordava più: c’era solo Regina la grassa. Ma a nessuno importava del peso perché più mangiava più la sua voce si faceva bella, profonda e intensa. L’intero coro di gospel fece di tutto per riaverla fra le sue fila, ma lei rifiutò e cominciò così a cantare nei night club d’America: prima di ogni performance Regina riempiva il suo capiente stomaco fino a farlo traboccare e tutte le volte riscuoteva un successo sempre maggiore. Nel 1956 cantò perfino davanti al Presidente degli Stati Uniti: fu costruito uno speciale pianoforte rinforzato in piombo che sopportasse i chili di Regina durante le esibizioni. Dopo oltre vent’anni di sfolgorante carriera, diciotto Grammy e 31 album pubblicati, Regina scomparve dalla scena jazz: di lei non si seppe più nulla, ma secondo alcune fonti un tumore allo stomaco la stava facendo dimagrire a vista d’occhio e senza i suoi chili Regina sapeva che sarebbe tornata a essere quella bimba dalla vocetta stridula che rese sordo il cardinale in quella chiesetta di campagna…



2 commenti:

Mobu ha detto...

...seguo con molto interesse. Bravo! (mi e' piaciuta l'idea del vestito)

Tommaso Valsecchi ha detto...

Mille grazie, Mobu! Mi diverte sempre un sacco abbinare foto, pezzi di texture, carta da parati... sempre però tutto in digitale! Dal disegno all'esecutivo! Grazie ancora!